La favola di Natale – GIOVANNINO GUARESCHI

Questa favola è nata in un campo di concentramento del Nordovest germanico, nel dicembre del 1944, e le muse che l'ispirarono si chiamavano Freddo,...

AMARCORD SESSANTOTTO!

Molti dimenticano ma io ricordo (tutto) e questo è un appunto che ho messo nel mio libro (che uscirà nel 2019) sulla Tradizione Toscana.Questi...

SABATO 2 MARZIO A BORGO SAN LORENZO PRIMO INCONTRO DELLA TRADIZIONE...

Visto l'indottrinamento - un vero e proprio lavaggio del cervello - fatto in Toscana agli studenti nelle scuole superiori (ma anche in quelle medie...

CIVITELLA DEL TRONTO: “NOI MORIAMO PER ESSERE UOMINI ANCORA”

"Altri combattono e muoiono per una conquista,una terra, un'idea di gloria, per un convincimento magari o un ideale, ma noi moriamo per una cosa...

Le Feste e i giorni – Gennaio al mio paese

di Pucci CiprianiFonte: Il GallettoEcco un'ottava composta da "Giuseppe da Gerusalemme ebreo fatto cristiano" e riportata nel libro ("Il tempo senza orologi") da Carlo Lapucci:Quel gennaro son io...

L’arte di Dio Sacri pensieri, profane idee

Di fronte ad un’arte che spesso non sa più parlare a Dio e di Dio, per la prima volta viene proposto un Simposio fra intellettuali ed artisti, capace di rispondere a queste sensibili domande: l’arte contemporanea è ancora in grado di dare Gloria a Dio?

Quelle campane che suonavano per i vivi e per i morti…

Nessun uomo è un’isolacompleto in se stesso;ogni uomo è un pezzo del continente,una parte del tutto.Se anche solo una nuvolavenisse lavata via dal mare,l’Europa...

La Comunione Tradizionale a Camerino, presso la Comunità San Gregorio Magno,...

Una giornata indimenticabile e memorabile quella trascorsa giovedì 14 aprile 2022 a Camerino ospiti della Comunità San Gregorio Magno. Insieme ai sacerdoti della Comunità, don Stefano...

Ricordi di scuola

"Come il mulino odora di farina / e la chiesa d'incenso e cera fina / sa di gesso la scuola / (...) Tutto qui...

I capricci degli uomini e del tempo nell’antico diario di Matteo...

Ancor oggi se qualcuno, passato il Tabernacolo della Giustizia e il Palazzo dei Vicari, si avventurasse - pedibus calcantibus - su per i monti a settentrione della bella Scarperia, dove il vento rovaio gioca con la neve fino a primavera, ritroverebbe ancora una sorta di Mugello incontaminato; insomma un mondo non lontano da quello descrittoci da don Matteo Pinelli - secondo il Brocchi originario di Parma - che fu, nel 1600, priore a Cerliano, sull'Appennino a Nord di Scarperia , di quella Scarperiache fu terra natale del Clasio.
Soldati del Re