Molti dimenticano ma io ricordo (tutto) e questo è un appunto che ho messo nel mio libro (che uscirà nel 2019) sulla Tradizione Toscana.

Questi sono tre libri che, guarda caso, mi sono giunti i primi di settembre come regali preziosissimi e graditissimi :

il primo (ho messo anche la dedica graditissima quanto e più del libro) è un regalo del carissimo amico Ascanio Ruschi, ovvero il libro di Tito Casini “I Giorni del Castagno” ho tutte le opere del Casini (una quarantina) ma questa è una prima edizione del 1948 rarissima)…

l’altro è un regalo, nello stesso giorno, del Vandeano del Mugello Nello Ugolini…non ci crederete ma non sapevo che Casini aesse scritto questo bellissimo libro (edizione del 1954) sulla Sacra Cintola della Madonna che si conserva a Prato (è bellissimo, l’ho letto d’un fiato).

Il terzo libro me l’ha regalato Marisa, una mia vecchia (ormai bisogna dire così) amica ed è una grammatica latina del 1958…come ormai nessuno sa fare più, ottima, me la sto riguardando e rigodendo…poi scopro gli autori Grassi e Lapo Cassese che io ebbi l’onore di conoscere e di “difendere”, diventandone amico, dalla canaglia democristiana (capeggiata da un certo Cavaciocchi) e comunista…ma peggiore la canaglia democrista.

Lapo Cassese fu un professore di lettere antiche, un signore di vecchio stampo, un uomo di grande cultura e di grandi principi…una persona tutta d’un pezzo che non si piegò agli asini sessantottini del Liceo Fiorentino (III Liceo scientifico di via del Mezzetta) e, per questo fu “martirizzato” dalla feccia sessantiottina.

Io pagai caro il fatto di aver definito il III Liceo scientifico di via del Mezzetta un “LUPANARE”… scusandomi con quelle “signorine” e con i loro clienti di averle paragonate a quegli studentasini di …allora. Rivedere questo libro mi ha commosso fino alle lacrime.

Tito Casini fu lo scrittore cattolico che, per primo, osò criticare con “La Tunica Stracciata” la riforma liturgica del Concilio Vaticano II (il Sessantotto della Chiesa) e la “misericordia” dei neomodernisti di allora ne decretò la morte civile…salve, poi, volendosene riappropriare post mortem…Brutti mascalzoni con il c…o al posto della faccia.

Ecco tre regali mi hanno spinto a riprendere in mano il mio lavoro e a fare questa…ANTEPRIMA…grazie ad Ascanio, Nello e Marisa.

AMARCORD SESSANTOTTO!