Oggi, forse proprio mentre starai leggendo questa email, centinaia di migliaia di persone stanno marciando a Washington per la 45° edizione della March for Life. Tantissimi giovani, tantissime famiglie, tantissimi cittadini americani che vogliono far sentire la loro voce per dire no alla legge Roe/Wade approvata quarantasei anni fa. E ci stanno riuscendo: anche se la grande stampa li ignora, a forza di marciare, i loro passi risuonano nelle stanze del potere e non è escluso che presto l’America potrebbe rivedere drasticamente la legge sull’aborto.
E tra due giorni, domenica 20 gennaio, anche la Francia si mette in Marcia con decine di migliaia di persone che anche quest’anno si ritroveranno a Parigi per dire no alla legge Veil che nel 1975 legalizzò l’aborto e per difendere il diritto di obiezione di coscienza dei medici.

E noi? Anche noi vogliamo far sentire la nostra voce e tra 4 mesi esatti ci ritroveremo a Romail sabato 18 maggio 2019, per ricordare gli oltre 6 milioni di bambini che sono stati uccisi grazie alla 194 e per chiedere con determinazione che tale legge sia cancellata dall’ordinamento giuridico del nostro Paese.

E tu? Anche tu puoi fare qualcosa. La causa della vita ha bisogno anche di te, della tua generosità, del tuo impegno. E allora unisciti a noi, diventa volontario  per la vita (contattaci qui: [email protected]), aiutaci con un’offerta, condividi le nostre pagine social (FacebookTwitterInstagram). La tua partecipazione, la tua passione (o dedizione), possono fare la differenza.

Non mancare,
vieni e marcia con noi
il 18 maggio 2019
in difesa della vita,
senza compromessi!