Un nuovo ciclo “eroico”? Prospettive e inquietudini

Si moltiplicano i segni che sembrano indicare che stiamo entrando in un nuovo ciclo storico. È un fenomeno positivo? Auspicabile? Comporta dei rischi?

CASA D’INTOLLERANZA

La sinistra è oggi la principale casa d’intolleranza funzionante a pieno regime. Benché sconfitta nelle urne e minoritaria nel Paese, esercita la sua intolleranza sui vivi e sui morti, sugli eletti e sui non allineati al politically correct

McCain:”E’ stato il funerale dell’odio satanico”

“E’ l’odio che ha presieduto alle esequie del senatore John McCain, e forse più dell’odio”: sto citando Philippe Grasset, perché torna su quella cerimonia spaventosa che ha riunito l’intero Establishment americano (ed anche europeo), cogliendone il diapason che, sia per autocensura sia per assuefazione, non abbiamo colto: il “tono” satanico.

Articoli Recenti

La liceità della pena di morte è una verità di fede cattolica

La liceità della pena di morte è una verità de fide tenenda, definita dal Magistero ordinario e universale della Chiesa, in maniera costante e...

I Buonomini di San Martino

Tra le strette viuzze della Firenze medioevale, a ridosso di Piazza della Signoria e a due passi da Piazza del Duomo, si apre la piccola piazza di San Martino, un tempo assai frequentata per esservi posta una sede del Tribunale di Firenze ed ora sconosciuta ai più per essere fuori dai flussi turistici. La piazzetta, di dimensioni ridotte, prende il nome di San Martino per la presenza dell’Oratorio della Congregazione dei Procuratori dei Poveri Vergognosi, comunemente e più conosciuta come Congregazione dei Buonomini di San Martino. Si tratta di un’antichissima congregazione laica, ma a forte spiritualità cattolica, che per le sue particolari caratteristiche operative e strutturali, rappresenta davvero un unicum nel mondo cristiano e che ancora oggi, dopo oltre cinque secoli e mezzo, non ha smesso di operare, con discrezione e riserbo, come la regola di sant’Antonino, tuttora vigente, impone.
CIVITELLA DEL TRONTO: “NOI MORIAMO PER ESSERE UOMINI ANCORA”

CIVITELLA DEL TRONTO: “NOI MORIAMO PER ESSERE UOMINI ANCORA”

"Altri combattono e muoiono per una conquista,una terra, un'idea di gloria, per un convincimento magari o un ideale, ma noi moriamo per una cosa...

Con lo sguardo rivolto al mondo, non a Dio. Ovvero come snaturare la vita...

Fine dell’autonomia, burocratizzazione, abbandono della tradizione. La strada sbagliata di Cor orans e Vultum Dei quaerere (ultimo di tre articoli) Proseguiamo l’analisi di Cor orans, l’istruzione...

Ricordi di scuola

"Come il mulino odora di farina / e la chiesa d'incenso e cera fina / sa di gesso la scuola / (...) Tutto qui...
NON seguire questo link o sarai bannato dal sito!