Un ex maestro svela i segreti proibiti della massoneria

l francese Abad-Gollardo arrivo fino al 14° grado della massoneria, pero, dopo la sua conversione a Lourdes, mette in luce le connessioni luciferine della massoneria. Afferma che: “Non è possibile essere cristiano e massone”. Dopo aver lasciato le logge è stato perseguitato e ha perso il lavoro.

José Borjes, eroe generoso e tradito dell’Antirisorgimento – di...

A proposito della storia del Risorgimento italiano troppo si è equivocato sul cosiddetto “Brigantaggio”, identificando i briganti comuni (giustamente combattuti sia dai Borboni, prima, che dai Savoia, dopo) con i combattenti lealisti, un’operazione che è servita a dare una sorta di legittimità alla Conquista del Sud perché, si sa, per la storia ufficiale, quella scritta dai vincitori, quella stessa impostaci fin da ragazzi dai libri di testo faziosi e manichei, è peccato mortale parlar male del Risorgimento e di Garibaldi, il biondo eroe dagli occhi celesti, che non esitò nei “Due Mondi” a fomentare torbidi e ad alimentare il fuoco della sedizione e della rivolta canagliesca; quello stesso eroe che – scriveva il mio sussidiario delle elementari – pianse una notte intera per avere, inavvertitamente, strappato una zampetta a un grillo ma che – sembra – non esitasse, nella pineta di Ravenna, ad aiutare la concubina Anita a “dolcemente morire”.

Un falso mito : Giuseppe Garibarldi

Padre della patria Giuseppe Garibaldi ci è stato presentato come l'eroe dagli occhi azzurri, biondo, alto, coraggioso, romantico, idealista; colui il quale metteva a repentaglio la propria vita per la libertà altrui. Non esiste città d'Italia che non gli abbia dedicato una piazza o una strada.

Civitella Antigiacobina

Civitella per due volte ha dovuto resistito alla rivoluzione giacobina ed è per questo chiamata “Fedelissima”, scrivendo pagine toccanti ed esemplari di fedeltà alla Fede, al Re ed alla Patria.

Terroni e polentoni, articolo de Il Foglio su Civitella del Tronto

Nel suo discorso sul Risorgimento del 17 marzo il presidente della Repubblica Giorgio Napolitano ha parlato di uno “storico balzo in avanti che la...

Corriere della Sera: serenissimi e borbonici insieme per disfare l’Italia

Ogni marzo i nostalgici si vedono alla rocca, dov'era il confine del Regno delle Due Sicilie. I pellegrinaggi di Borghezio e dei «reduci» del campanile...

Articoli Recenti

José Borjes, eroe generoso e tradito dell’Antirisorgimento – di Pucci Cipriani

A proposito della storia del Risorgimento italiano troppo si è equivocato sul cosiddetto “Brigantaggio”, identificando i briganti comuni (giustamente combattuti sia dai Borboni, prima, che dai Savoia, dopo) con i combattenti lealisti, un’operazione che è servita a dare una sorta di legittimità alla Conquista del Sud perché, si sa, per la storia ufficiale, quella scritta dai vincitori, quella stessa impostaci fin da ragazzi dai libri di testo faziosi e manichei, è peccato mortale parlar male del Risorgimento e di Garibaldi, il biondo eroe dagli occhi celesti, che non esitò nei “Due Mondi” a fomentare torbidi e ad alimentare il fuoco della sedizione e della rivolta canagliesca; quello stesso eroe che – scriveva il mio sussidiario delle elementari – pianse una notte intera per avere, inavvertitamente, strappato una zampetta a un grillo ma che – sembra – non esitasse, nella pineta di Ravenna, ad aiutare la concubina Anita a “dolcemente morire”.

Mons. Antonio Livi e la difesa della teologia cattolica

Quel grand’uomo che fu il cardinal Caffarra, poco prima di morire ha dichiarato, quasi come un lascito testamentario, che solo un cieco può negare...

La dittatura delle parole vuote

di Serafino M. Lanzetta In un mondo in cui le persone vogliono disfarsi di Dio, con la conseguenza di un significativo oblio della ragione umana,...

Il rinnegamento dei martiri della Cina comunista

Mentre Papa Francesco era in Lituania ad onorare una Chiesa che, con i suoi martiri, ha resistito alle persecuzioni, nonostante la drammatica Ostpolitik, per la quale era necessario tacere e non denunciare, né condannare il comunismo, la Sala stampa vaticana ha sobriamente annunciato l’accordo «provvisorio» e «soggetto a valutazioni periodiche» raggiunto fra Cina e Santa Sede.

MACRON ELIOGABALO

Regnò dal 218 al 222 d. C. “Si dice che Vario Avito, detto Eliogabalo, fosse uomo bellissimo. “Dall’Asia tornò a Roma e vi portò l’aerolite di Emesa, sacra al dio Sole, per cui costruì un grandioso tempio sul Palatino: L’Elagabalium. Eliogabalo, che prese il nome dal suo dio orientale El Gabal, rese pubblico il suo culto e lo pose sopra quello di Giove, nominando se stesso Sacerdos Amplissimus. Le reliquie più sacre, tra cui la MagnaMater, il fuoco di Vesta, gli ancilia dei Salii e il Palladio, furono trasferite all’Elagabalium
NON seguire questo link o sarai bannato dal sito!